Addio al Trasformismo, forse. Il Senato riforma il Regolamento?

Addio al Trasformismo, forse. Il Senato riforma il Regolamento?

Addio al Trasformismo, forse. Il Senato riforma il Regolamento?

Un Comitato Ristretto della Giunta per il Regolamento del Senato ha elaborato la bozza di una profonda riforma del Regolamento che prevede, tra l'altro, l'impossibilità di creare dopo il voto gruppi nuovi, per denominazione e simbolo, che non corrispondano a formazioni politiche che si siano presentate alle elezioni. Naturalmente, ogni Senatore resterebbe libero di lasciare il partito per il quale è stato eletto, ma confluirebbe nel Gruppo misto e non avrebbe la possibilità di dare vita a nuovi raggruppamenti, come è successo in modo assai vistoso in questa legislatura che ha censito, al Senato, 136 cambi di gruppo. E' il tema antico del trasformismo, che è vecchio almeno quanto la Storia dell'Italia unita, e che non ha solo aspetti negativi o biasimevoli, come ricorda brillantemente (1) Paolo Armaroli, nell'articolo del Sole 24 Ore che proponiamo di seguito. Sulla bozza di riforma del Regolamento del Senato, che per diventare operativo, dovrà essere approvato prima dalla Giunta e poi dall'Aula, rinviamo a due articoli: (2) Ste. P. del Messaggero e (3) Antonio Ricchio della Verità.

(1) armaroli trasformismo 18ott17

(2) Senato nuovo regolamento messaggero 20ott17

(3) senato nuovo regolamento verità 22ott17

Stampa

Close